14 luglio

ITINERARI TEMATICI E TURISTICI ALLA SCOPERTA DEL TERRITORIO BRESCIANO

Alessandro Bonvicino detto “IL MORETTO”

a Brescia

con il Museo Diocesano, la Pinacoteca Tosio Martinengo e il Museo di Santa Giulia

2 giorni (1 notte)

1° giorno: Brescia

Arrivo a Brescia e giornate di visite guidate alla scoperta della città con particolare attenzione alle opere del pittore Alessandro Bonvicino, detto il Moretto.

Pranzo in ristorante in corso di visite.

Visita guidata al Museo Diocesano che ospita un centinaio di opere di artisti importanti, una preziosa raccolta di ex voto settecenteschi, una sezione di codici che vanno dal XII secolo alla metà del XVI provenienti quasi esclusivamente dalla biblioteca capitolare della Cattedrale di Brescia, una sezione dedicata all’oreficeria d’uso liturgico con oggetti dalla seconda metà del XV secolo a tutto l’Ottocento ed infine una sezione dedicata al tessuto con paramenti preziosi dalla fine del XV secolo all’inizio del XIX. Qui troviamo anche un’opera del Moretto raffigurante “la Madonna con bambino e san Girolamo”.

A seguire visita di Piazza Loggia, di epoca rinascimentale, dove si ammira il Palazzo comunale, i Monti di Pietà e la Torre con l’orologio astronomico sormontata dai “Macc de le ure”, due statue in bronzo che scandiscono le ore battendo con martello una campana.

Ingresso alla Chiesa di San Giovanni Evangelista dove si trovano svariate opere del Moretto, specialmente nella Cappella del Santissimo Sacramento dove ha realizzato affreschi e tele con il collega Romanino. Del Moretto possiamo ammirare opere come “Incoronazione della Vergine”, “Pala di San Giovanni Evangelista”, “Padre Eterno con la colomba dello Spirito Santo”,” Raccolta della manna”, “Elia confortato dall'angelo”, “Ultima cena”, “Madonna del Tabarrino”, “la strage degli innocenti” e altre opere con temi come i profeti e gli evangelisti.

A seguire visita alla Collegiata dei Santi Nazaro e Celso dove, accanto ad altre opere importantissime come il Polittico Averoldi del Tiziano, sono esposte le opere del Moretto “Incoronazione della Vergine”, “L’angelo annunciante”, “La vergine Annunciata”, “Adorazione dei pastori”, “Cristo in passione con Mosè e Salomone” e la “Caduta e conversione di san Paolo”.

Si giunge poi nella Piazza Paolo VI, di epoca medievale, per la visita alle due Cattedrali di Brescia dove troviamo varie opere del pittore bresciano: nel Duomo Vecchio “Assunzione della Vergine”, “Evangelista Luca e Marco”, “Elia confortato dall’Angelo”, “Evangelista Marco” e “Melchisedec offre pane e vino al Patriarca Abramo”; nel Duomo Nuovo troviamo “il Sacrificio di Isacco”.

Sistemazione in albergo, cena e pernottamento.

2° giorno: Brescia

Colazione e pranzo in ristorante in corso di visite.

Visita guidata al Museo di Santa Giulia allestito in un complesso monastico di origine longobarda riconosciuto dall'Unesco come "Patrimonio dell'Umanità"; a seguire passeggiata nella Piazza del Foro, con i resti romani del Capitolium, del teatro e della basilica dell’epoca della Brixia romana.

Nel pomeriggio visita guidata alla Pinacoteca Tosio Martinengo, con la sua importante collezione di opere tra cui Raffaello, Foppa, Romanino, Hayez, Thorvaldsen, Canella e Canova per citare i nomi più noti. Qui troviamo varie opere del Moretto tra cui “lo Stendardo delle Sante Croci”, “Mosè e il roveto ardente”, “la Cena in Emmaus”, “l’Adorazione dei pastori”, “la Pala Rovelli”, “Cristo e l’angelo” e tante altre.

Si prosegue infine per la Chiesa di San Clemente dove si ammira del Moretto “il Matrimonio mistico di santa Caterina d'Alessandria”, “Sante Lucia, Cecilia, Barbara, Agata e Agnese”, “Sant'Orsola e le vergini compagne”, “Madonna col Bambino in gloria” e “Melchisedec che offre pane e vino al Patriarca Abramo”; e infine vista alla vicina Chiesa di Santa Maria Calchera dove si ammirano le opere del Moretto “Santi Girolamo e Dorotea che adorano Gesù nel sepolcro” e “Cena in casa di Simone il fariseo”.

Termine dei servizi.


Iscriviti alla newsletter