22 ottobre

Un nuovo modo di fare scuola con aule decentrate

Nasce un nuovo modo di fare scuola al Museo Diocesano di Brescia, con la firma dell’intesa condivisa con l’Istituto Cesare Arici. Un accordo partecipato, con la Presidente Nicoletta Bontempi e il Direttore Mons. Gabriele Filippini per Fondazione Museo Diocesano di Brescia e, per l’Istituto Cesare Arici, il Presidente della Fondazione Alma Tovini Domus don Raffaele Maiolini e la Preside Paola Amarelli, che si avvicenda con la cerimonia di inaugurazione dell’anno scolastico, volto ad accogliere gli studenti all’interno del patrimonio artistico culturale bresciano, con la messa a disposizione gratuita, da parte del Museo Diocesano, di alcuni ambienti affinché le classi della primaria, della secondaria di I grado e del liceo classico (temporaneamente sospese le classi di quest’ultimo, in ottemperanza all’Ordinanza Regionale n. 623 del 21.10.2020) possano fare scuola nutrite dalla bellezza.

Una vera e propria occasione di incontro, sancita dalla presentazione, da parte di Domenico Simeone, professore ordinario di Pedagogia generale e sociale, coordinatore del corso di Laurea Magistrale in Media Education e futuro Preside della Facoltà di scienze della formazione dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Brescia, del documento di papa Francesco Global Compact on Education, un patto per generare un cambiamento su scala planetaria, affinché l’educazione sia creatrice di fraternità, pace e giustizia. Con questo intervento specificamente etico l’Istituto Cesare Arici si dispone anche all’approfondimento delle encicliche Laudato si’ e Fratelli tutti di Papa Francesco e della lettera pastorale Non potremo dimenticare del Vescovo di Brescia Mons. Pierantonio Tremolada.

Gli spazi offerti al Museo non sono solo una possibilità per fare scuola in presenza, rispettando le norme di contenimento dell’emergenza sanitaria COVID-19, bensì sono delle aule decentrate: non si fa scuola solo a scuola. L’Istituto Cesare Arici consiste in un vero e proprio laboratorio di ricerca e i docenti, guidati anche da Pier Cesare Rivoltella, docente dell’Università Cattolica, mirano a formare i più giovani ad un’esperienza diffusa dell’apprendimento.

“La scelta di ospitare l’Istituto Cesare Arici – sottolinea Nicoletta Bontempi, Presidente della Fondazione Museo Diocesano di Brescia – rientra nel progetto di apertura del Museo Diocesano al territorio, in particolar modo nei confronti del mondo della formazione. La strutturazione di questa nuova rete permetterà ai giovani di avvicinarsi all’arte e alla bellezza in uno spazio inconsueto per la vita scolastica, condividendo un percorso non solo in termini di ospitalità ma secondo una collaborazione fattiva, permettendo al Museo di confermare la linea già promossa negli ultimi mesi di collegamento a reti virtuose, di grande supporto per affrontare insieme questo momento difficile per l’intera società.”

Questa collaborazione si inserisce nella visione di diocesanità proposta dal Vescovo di Brescia: la relazione tra Enti e Istituzioni diocesane costruisce attraverso le specificità di ciascuno la comunità, testimoniando il senso di partecipazione sociale e cittadinanza. Questo è un modo per “fare cristianesimo”, che nell’esperienza religiosa scopre e si apre al mondo laico.


Iscriviti alla newsletter