2006

3-10-17 DICEMBRE
Museo & Family. Tre domeniche in Museo per tutta la famiglia

1 DICEMBRE 2006 - 28 GENNAIO 2007
Mostra
Renato Laffranchi. I segni e il volto.

2 NOVEMBRE
Concerto Justorum animae
Basilica Santuario di Santa Maria delle Grazie
Mischa Maisky, violoncello
Johann Sebastian Bach, Suites per violoncello solo nn. 1, 4 e 5.

7 OTTOBRE - 26 NOVEMBRE
Mostra
Aspirazioni e devozioni. Brescia nel Cinquecento tra preghiera e eresia
Secondo appuntamento con la cultura, l’arte e l’editoria a Brescia nel Cinquecento, questa mostra è l’ideale prosecuzione di “Medici alchimisti astrologi. Inquietudini e ricerche del Cinquecento”. La mostra si prefigge di sondare l’ambiente religioso bresciano nell’epoca che va dalla fine del Quattrocento, emblematicamente segnata dall’arrivo a Brescia del Savonarola e dalla sua predicazione apocalittica, fino al disciplinamento tridentino compiuto dal vescovo Domenico Bollani attraverso le Constitutiones e la ristrutturazione ecclesiastica della diocesi bresciana con l’istituzione dei vicariati foranei.
Tra questi due poli cronologici si svolge la vicenda complessa della penetrazione dell’eresia e della sua lotta attraverso l’illuminante presenza di figure come Angela Merici che creano in Brescia un terreno capace di organizzare una vera e propria pre-riforma cattolica. Allo stesso tempo si assiste a una fioritura di letteratura devota che non interessa solo gli strati più umili ma penetra, attraverso le forme della devotio moderna, negli strati più alti della complessa società bresciana fino a produrre sinergie con personaggi illustri e poliedrici della storia italiana del Rinascimento come la duchessa di Ferrara, Lucrezia Borgia indicava Brescia come luogo consono, per tradizione e imprenditoria editoriale, ad accogliere testi impegnativi e illuminanti per la coscienza religiosa del primo Cinquecento.

8 LUGLIO (in permanenza)
Mostra
Il genio della Serenissima
Paolo Veneziano da Sant’Andrea vecchio di Madreno e Giovan Battista Tiepolo dalla parrocchiale di Folzano.

8 LUGLIO-3 AGOSTO
Opera ospite
Alessandro Bonvicino il Moretto, Madonna con il Bambino e i santi Barolomeo e Girolamo (Madonna delle pere) dai Musei Vaticani
10 GIUGNO-16 LUGLIO
Mostra
Tempus
Non si può venire che dal futuro, non si può passare che dal presente e non si può andare a finire che nel passato (Agostino, Confessioni, XI, 21). Una mostra che si avvicina idealmente a un’installazione. Non rincorre la completezza, non vuole essere esaustiva di un tema, non aspira alla perfezione scientifica e filologica. Piuttosto rincorre, sul filo delle suggestioni agostiniane, l’operazione della mente che misura il tempo nelle sue dimensioni di passato, presente e futuro attraverso le immagini della memoria prodotte dall’uomo che si immagina il tempo, che lo misura e che comprende se stesso – nel variare dei tempi – nel fluire dei modelli e delle mode, secondo quel procedimento che Agostino dice risiedere nella mente. “Il presente del passato – scrive infatti – è la memoria, il presente del presente è la visione, il presente del futuro è l’attesa”. Attraverso questo filo rosso della riflessione esistenziale di sant’Agostino, la mostra indaga ed esplora il tempo nel suo farsi e disfarsi, nel suo produrre e distruggere, nel suo immaginare e obliare.

4-11-18 GIUGNO
I Concerti del Chiostro

18 FEBBRAIO - 11 MARZO 2006
Mostra
Les Etrangers - esperienze progettuali di architetti stranieri in Italia 1995-2005
Organizzata dall'Istituto Inarch

18 DICEMBRE 2005 - 18 FEBBRAIO 2006
L’opera in affido
Alessandro Bonvicino il Moretto, Incoronazione della Vergine del Banco di Brescia.

Iscriviti alla newsletter